03/06/14

Nunslaughter "Angelic Dread"

Full-length, Hells Headbangers Records
(2014)

I Nunslaughter sono una band piuttosto atipica, in quanto attivi sin dal 1987, sono riusciti nell'arco di 27 anni di carriera solo a rilasciare quattro full-length. Alle spalle hanno una carriera piena di demo, ep e split in numero tale da competere con band del calibro dei Sabbat (Jpn) in termini di numero di release.
Ebbene questo quarto album in studio intitolato "Angelic Dread" il sound della band si discosta da quanto abbiamo imparato ad amare dai Nunslaughter nel corso degli anni, avvicinandosi sempre di più ad un thrash/black che fa molto il verso a band come gli Aura Noir e questa edizione si presenta in formato doppio cd contenendo le tracce ri-registrate dei precedenti 7", quindi una vera chicca per i fan della band statunitense.
Il sound del gruppo in questa quarta release distante ben 7 anni dal precedente "Hex" si presenta più pulito e fruibile anche a chi la band non l'ha mai ascoltata e da notare che la durata media dei pezzi è andata via via sempre aumentando, tanto che in questo album ci sono due pezzi che superano i tre minuti e altri che ci vanno molto vicini ma in una band come i Nunslaughter la durata dei pezzi è il pezzo forte in quanto in una durata così breve riescono a sprigionare tutta la loro energia e violenza.
Il disco uno scorre molto bene attraverso le sue quindici tracce e si assesta su ottimi livelli, ma il meglio arriva con il secondo disco che presenta vecchie tracce ri-registrate per l'occasione e risultano più fresche anche a distanza di anni.
Fare un track by track dei Nunslaughter risulta abbastanza inutile perchè le canzoni tendono comunque a somigliarsi molto e preferisco dire che nel complesso il disco si presenta molto bene e per tutti i fan del metal estremo è una release da comprare ad occhi chiusi anche per la mole di contenuti in essa racchiusi. Insomma due dischi pieni di Nunslaughter da mettere nel proprio stereo o in auto spaventando le vecchiette di turno.
Insomma "Angelic Dread" rappresenta un grande passo avanti per i Nunslaughter entrando di diritto in una cerchia di band che stanno riportando in auge discorsi intrapresi decenni fa da band come Bathory (Under The Sign Of The Black Mark) e Possessed (Seven Churches), facendoci ricordare che certe sonorità risultano quanto mai attuali e non dimenticate.
In conclusione consiglio l'acquisto a tutti i thrashers che vogliono qualcosa di diverso e più estremo e a tutti gli amanti di sonorità black e death che amano le sterzate più thrash che la band sa offrire.
Stra consigliato.
 
Recensore: Il Meggi
Voto: 85/100
 
Tracklist:
Disc 1 
1. Angelic Dread  
2. Looking into the Abyss 
3. Twisted Spirit    
4. Crush the Guff 
5. Inner Beast   
6. The Lycanthrope
7. Blood Drinker    
8. God     
9. Doomtown   
10. Don't Mourn for Me 
11. Infested    
12. Coffins and Crosses   
13. Three Nails, One Liar 
14. Death Beyond the Gallows     
15. One Bad Bitch    
  
Disc 2 
1. Emperor in Hell   
2. God Has Lied  
3. The Bog People  
4. Shadow World  
5. Healing the Possessed
6. It Is I     
7. Phantom 
8. In the Graveyard 
9. Black Horn of the Ram     
10. Ouija     
11. Atheist Ways   
12. Cerebus      
13. Sickened by the Sight of Christ   
14. Driving Out the Demons 
15. Midnight Mass   
16. Deathlehem   
 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...