15/04/14

C.M.E. "Mund"

Full-length, Metropolitan State Productions
(2014)

A due anni di distanza da “Le Sporche Strade della Mente” torna Mirg, mastermind del progetto italiano Macabre Enslaver, già recensiti su queste pagine con un ottimo giudizio da parte del sottoscritto. Ecco che dopo quell’interessantissimo album, Mirg si prodiga in una collaborazione con Cody Maillet della one man band americana Cryostasium, attivo quest’ultimo sulla scena sin dal 2003, con diverse pubblicazioni alle spalle, tra cui uno split con Xasthur.
Questa sorta di progetto non esce infatti sotto il nome Macabre Enslaver, ma con la sigla C.M.E. (che indica Cryostasium/Macabre Enslaver).
“Mund”, che esce per Metropolitan State Productions è, a detta degli stessi autori del progetto nella bio allegata, “una sorta di banco di sperimentazione delle emozioni e del suono, che lascia totalmente spazio all'immaginazione dell'ascoltatore durante i 35 minuti dei 6 brani”.

Direi che queste parole introducono bene il contenuto di questo album, ma è solo ascoltando che si può capire quanto sia valido, contorto e fuori da ogni schema questo disco. Il panorama black metal oramai è saturo, come d’altronde quasi tutti gli altri sottogeneri metal, e in un calderone fatto di buone band sotto il profilo strettamente compositivo ed “estetico”, si erge ogni tanto qualche realtà che non ha paura di sparimentare e di creare qualcosa di realmente personale. E aggiungo un altro aspetto fondamentale, ovvero il fatto che nel metal estremo ormai si è persa quella componente di paura e angoscia che dovrebbero essere la linfa vitale, soprattutto se si parla di certo black metal, quello più introspettivo e nichilista.

Detto questo, reputo Mirg uno dei più sottovalutati musicisti italiani, a prescindere dalle etichette. Questo perché è capace di creare dei veri scenari ossessionanti, psichedelici, mortiferi e alienanti, ma con uno stile devastante per la mente dell’ascoltatore, sempre che quest’ultimo riesca a comprendere cosa stia ascoltando. In questo caso poi il suono appare stentoreo, zoppicante, “storto” e maggiormente malato rispetto al passato di questo musicista. A volte pare che ogni strumento vada per i fatti suoi, con linee di basso e batteria che sembrano suonate da un malato di mente. Credo infatti fosse proprio questo l’intento dei musicisti coinvolti in quest’opera, che risulta non convenzionale sotto alcun aspetto, e di questi tempi il coraggio sta proprio in scelte come queste. In realtà non credo che saranno in molti a capire il messaggio che questo “Mund” voglia trasmettere, ma se siete anche voi un po’ sottomessi al dolore psicologico, credo che potrete entrare presto in sintonia con questo lavoro.

Qui il black metal e' solo una base su cui si poggia una forte dose di sofferenza, di sadismo trasformato in psichedelia, doom, noise/industrial e ambient. Scorrendo la bio si evince che Mirg si è occupato in toto della batteria, il resto degli strumenti è stato registrato intercambiandosi gli strumenti tra Mirg e Cody Maillet .
Un disco difficile, che si ciba delle nevrosi che tutti noi cerchiamo di tenere a bada sotto una parvenza di normalità, e sotto quintali di psicofarmaci. Questo è il suono di chi non ce la fa più, di chi è saturo, di chi ormai ha la mente compromessa. Ma chi è davvero il vincitore in tutto questo, chi è il vero saggio e illuminato? Almeno in questo caso, Mirg. Perché sa stupirci ad ogni sua uscita, e ci mette a nudo con altri sei brani in cui non vi è pausa, un viaggio oscuro nella nostra anima, ma che potrebbe illuminarci definitivamente e farci capire chi siamo e dove viviamo. Io non chiamarei pessimismo tutto ciò, ma solo consapevolezza e rassegnazione.


Recensito da: Kosmos Reversum
Voto: 82/100

Tracklist:
1) Enter Stasium
(Cody : Distorted and clean guitars, keys, screams and samples,
Mirg : Bass and drums)

2) Deathole
(Cody : Bass, clean guitars and vocals,
Mirg : Distorted guitars, drums and screams)

3) None
(Cody : Distorted and clean guitars and vocals
Mirg : Bass, drums, spoken and whispered vocals)

4) Interlude
(Composed and performed by Cody)

5) Makaroff
(Cody : Bass, clean guitars, sample in the begin of the song and vocals
Mirg :Distorted guitars, drums, vocals and sample at the end of the song)

6) Mund
(Composed and performed by Mirg
Cody : vocals)


CONTATTI:

MACABRE ENSLAVER:

CRYOSTASIUM :

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...