11/05/11

Souldeceiver "The Curious Tricks of Mind"

Full-length, Nadir Music, 2011
Genere: Death Metal

In Italia la versione più tecnica del death metal non ha mai avuto troppa fortuna, nonostante alcuni nomi illustri, e il metallo della morte si è di solito indirizzato verso altri filoni. Ciò non toglie che non sia casuale trovarsi ad ascoltare un gruppo come i Souldeceiver, ragazzi che hanno assorbito il meglio della lezione dei maestri Death, ma anche gli spunti provenienti da altri ambiti estremi.
Il risultato è francamente dei migliori, tanto che oggi sono già reduci dai palchi di mezza Europa, dalla Germania, al Belgio, alla Svizzera, in compagnia dei veterani Necrodeath.

E, credetemi, potevano benissimo essere il gruppo di punta : The Curious Tricks of Mind è un signor album, di quei debutti riusciti decisamente col buco, come le ciambelle ben fatte.
Un pizzico di swedish (sopratutto in certi soli), ma appena appena e poi una macina di riff incatenati fra loro su una base sovente thrasheggiante, mentre il growl di Francesco Meo tortura le nostre orecchie piacevolmente. Ecco fatto, il disco è confezionato, e ricorda, per certi aspetti, gli Infernal Poetry di 10 anni fa, quelli di Not light but rather visible darkness (si veda la quinta song The Pressing o la successiva, malinconica, Icon of your God).

Per essere un lavoro in cui la componente tecnica citata all'inizio ha un peso importante, siamo ancora a livelli "accessibili": non abbiamo di fronte avvitamenti strumentali che non portano da nessuna parte, per fortuna, anche se certo c'è spazio per un miglioramento da cui i Souldeceiver non possono esimersi, visto che musica fanno. Difetti veri e propri? La mancanza della classica canzone “trita tutto”, di quelle che ti fan ricordare il disco anche dopo anni, e una copertina tra le più brutte viste recentemente, con quel rosa che stona non poco col contenuto del cd….ma sono davvero dettagli che non inficiano la valutazione positiva meritata da questi ragazzi.
Concludo consigliando questo disco a tutti gli amanti del death, che troveranno sicuramente gradevole l'operato di questo ennesimo - meritevole - gruppo nostrano. Poi certo, se per voi estremo significa roba tipo Arch Enemy, lasciate perdere...

Recensione a cura di: Burning Stronghold
Voto: 78/100


Tracklist:
1. Hundred 25
2. The Closest Embrace
3. Suiciding
4. Mary Ann
5. The Pressing
6. Phase C
7. Icon of Your God
8. Relapse
9. Bone Sacrifice
10. Eternally

http://www.myspace.com/souldeceiverband

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...